Il WMF punta sulle donne: ‘Women in Tech’ chiama esperte di innovazione digitale

women in tech bologna rimini
Confermati i nomi delle dieci relatrici che racconteranno al Festival la loro esperienza professionale in ambito tecnologico, dove il gender gap rappresenta da sempre un complesso tema sociale ed economico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il WMF, il più grande Festival sull’Innovazione Digitale e Sociale, anche quest’anno offrirà all’interno della propria agenda le testimonianze di numerose esperte e professioniste in materie STEM (dall’inglese Science, Technology, Engineering and Mathematics) che, con il proprio know-how, contribuiscono in maniera fondamentale alla crescita del mondo dell’innovazione italiana e internazionale.

Un settore, quello tecnologico e dell’ICT, nel quale secondo lo studio ‘Women in the Digital Age’ condotto nel 2020 dalla Commissione Europea, il gender gap tra uomini e donne è quasi doppio rispetto agli altri settori e nettamente a svantaggio di quest’ultime, che risultano sottorappresentate (lo studio ha rivelato che solo il 18% delle figure specializzate in ambito di ICT sono donne) e sfavorite dal punto di vista economico e occupazionale.

È in questo contesto che il WMF anche quest’anno promuove la Call for Women in Tech, con l’obiettivo di supportare l’empowerment femminile grazie alle testimonianze e al know-how di ragazze e donne impegnate nel mondo digitale che possano essere di ispirazione per le nuove generazioni e per la costruzione di un mondo del lavoro più equo. Dopo la partecipazione nelle edizioni precedenti del Festival di ospiti come Chiara Cocchiara, Melanie Rieback e Luisa Rizzo, al WMF2021 sarà possibile ascoltare le testimonianze di Anna Grassellino, la Direttrice del National Quantum Information Science SQMS Center, già ospite della passata edizione del Festival, Ivana Bartoletti (Director Privacy at Deloitte e Fondatrice del Women Leading in AI Network), Raffaella Camera (Former Global Head of Innovation & strategy Accenture XR), Roberta Gilardi (Fondatrice e CEO di G2 Startups), Daiana Iacono (Client Services Director at Awin Global), Elisa Lupo (Managing Director Italy, Spain & Portugal di Integral Ad Science), Nina Nikolikj (Swiss Enterpreneurship Program), Flavia Provenzani (Direttore responsabile di Money.it), Francesca Santoro (IIT Researcher Tenure Track Principal Investigator), Ilaria Zampori (General Manager Italy & Spain di Quantcast). La Call Women in Tech del WMF rimarrà aperta fino al 12 maggio: le candidate alla call che verranno selezionate si uniranno alle dieci speaker già presentate per partecipare alla 8^ edizione del WMF in programma a Rimini e Online il 24, 25 e 26 giugno 2021.

Con oltre 21.000 presenze registrate nel 2019, 2 milioni di utenti online raggiunti nel 2020, più di 500 espositori e partner e oltre 600 speaker da tutto il mondo, il WMF è il più grande Festival sull’Innovazione Digitale e Sociale. Ideato e prodotto da Search On Media Group, il WMF2021 si terrà il 24, 25 e 26 giugno 2021 al Palacongressi di Rimini e online sulla piattaforma interattiva ibrida.io.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»