Reggio Calabria, 364 milioni per la ‘città del fuTUro’

reggio città del futuro
Presentato oggil il focus finale a palazzo San Giorgio dal sindaco Giuseppe Falcomatà e dai componenti della giunta comunale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Ammonta a 364 milioni di euro la quota di risorse nazionali e comunitarie impegnate dal Comune di Reggio Calabria in diverse linee di intervento ed inserite in un programma generale denominato: ‘Reggio città del fuTUro’. Il focus finale è stato presentato oggi al palazzo San Giorgio dal sindaco Giuseppe Falcomatà e dai componenti della giunta comunale. Il primo cittadino ha approfondito l’esito di tre giorni di studio e confronto tra l’organo esecutivo dell’Ente con i dirigenti dei settori e i funzionari.

Il focus tecnico ha approfondito e verificato lo stato di progettazione ed attuazione del: Programma operativo nazionale Città metropolitane (Pon Metro), il Programma complementare al Pon Città metropolitane (Poc Metro), gli accordi interistituzionali denominati “Patti per il Sud”, Agenda urbana Por Calabria e altri strumenti finanziari in corso di attuazione come Decreto Reggio e Pisu , i Programmi di sviluppo per la Città di Reggio Calabria 2014-2020. I progetti finanziabili sono 226 suddivisi in macro aree di intervento: agenda digitale, risparmio energetico, mobilità sostenibile, inclusione sociale, rigenerazione urbana, competitività, cultura e formazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»