Covid, Speranza: “Programmare riaperture, ma non bruciamo le tappe”

roberto speranza
"Sono stato accusato di essere ultra rigorista" e di chiudere tutto, aggiunge il ministro, "ma sono stato sempre realista"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo consapevoli che c’è un elemento di rischio nell’apertura della scuola in presenza perché questo comporta una aumento dei movimenti. Il governo ha fatto una scelta che io difendo con forza perché la scuola è l’architrave del nostro Paese. E’ anche vero che ci sono state 13 milioni di somministrazioni di vaccino e da 3 settimane vediamo una curva che ha iniziato a dare un primo segno di piegatura“. Lo dice Roberto Speranza, ministro della Salute, a ‘Che tempo che fa’ su Raitre.

“Sono fiducioso- continua Speranza- perché gli ultimi numeri con 300 mila somministrazioni siano l’inizio di una fase di accelerazione più robusta. La vaccinazione è la vera chiave per provare a uscirne, quindi abbiamo bisogno di gradualita’, attenzione e di non bruciare le tappe. Ora possiamo gradualmente e con prudenza capire come gestire la situazione e con grande accortezza possiamo programmare delle settimane con meno limitazioni“, ma “bruciare le tappe può produrre degli effetti e la vicenda della Sardegna dimostra questo”.

“Sono stato accusato di essere ultra rigorista” e di chiudere tutto, aggiunge il ministro, “ma sono stato sempre realista” che conferma anche l’impegno per “un green pass, un certificato verde che consentirà nei Paesi europei una più facile mobilità”

Su Astrazeneca, Speranza non ha dubbi: “Sicuramente è un vaccino efficace e sicuro. Draghi, Figluolo e Curcio sono stati vaccinati con Astrazeneca. C’è stato un problema di comunicazione di cambio di linea. Sono convinto sia un’arma importante. E’ un vaccino che funziona e salva la vita”. Per gli under 60 che hanno già ricevuto la prima dose, Speranza conferma poi che “la seconda dose sarà fatta con Astrazeneca, i dati ci indicano che se non c’è stata reazione avversa nella prima somministrazione non ci sara’ nella seconda. Questo ci dicono i nostri scienziati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»