Agguato a Milano: due sicari in moto sparano dentro un’auto in corsa. Fontana: “Dare più forze a Polizia”

Stamattina alle 8 Milano è stata teatro di un regolamento di conti in piena regola: la vittima un uomo di 46 anni, che è molto grave
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Un regolamento di conti in piena regola: è quanto accaduto questa mattina alle 8 a Milano, in via Cadore, dove due uomini in moto si sono affiancati ad un’auto in corsa e hanno sparato attraverso il vetro all’uomo che stava seduto nei sedili posteriori: si tratta di un 46enne, Enzo Anghinelli, che è rimasto gravemente ferito.

La prima pista seguita è quella della droga: Anghinelli, che ha diversi precedenti per droga, era stato arrestato nel 2007 Anghinelli in una indagine sullo spaccio di droga nelle discoteche milanesi e nel mondo dello spettacolo. 

L’ipotesi degli investigatori è che l’obiettivo fosse quello di ucciderlo: i due sicari hanno mirato alla testa e due sei sei colpi esplosi lo hanno centrato al volto. Anghinelli : viaggiava a bordo di una station wagon nera. L’agguato è avvenuto all’angolo tra via Cadore e via Bergamo.


LEGA: IN CITTÀ SI SPARA, E LA SINISTRA STA A GUARDARE

“Ennesimo episodio di violenza nella Milano governata dal Sindaco Sala, purtroppo il problema sicurezza non accenna a diminuire nel capoluogo lombardo”. Così Silvia Scurati, consigliere regionale della Lega, commenta l’agguato a colpi di pistola avvenuto stamattina in via Cadore a Milano.

Un Far West in pieno giorno, a poche centinaia di metri dal Tribunale e in mezzo alla gente, in un’ora in cui le persone si stanno recando a scuola o al luogo di lavoro”. Insomma, a Milano si “spara, e la sinistra sta a guardare”, afferma Silvia Scurati, che prosegue: “Anziché pensare solamente all’aumento dei biglietti Atm, il sindaco Sala farebbe meglio a impegnarsi maggiormente per garantire una città più sicura ai cittadini milanesi e seguire l’esempio di quanto si sta facendo a livello nazionale invece di sfilare contro il decreto-Salvini”.


FONTANA: DARE A POLIZIA SEMPRE PIÙ FORZE

Sulla sicurezza “credo si debba stare molto attenti, non bisogna fare finta che non si ci siano problemi, si deve fare in modo che la Polizia possa avere sempre più forze”. Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, sulla sparatoria avvenuta oggi a Milano, in via Cadore, parlando ai cronisti a margine ‘Milano Agrifood&Travel Global Summit’ in corso, al Museo della Scienza e della Tecnica.

“Credo- dice Fontana- che il problema della sicurezza sia sempre stato sotto controllo fino oggi, ma mi sembra che evidentemente esistano delle situazioni abbastanza preoccupanti e questo è talmente vero che il ministro Salvini ha destinato alla nostra Regione e a Milano un numero congruo di operatori della Polizia”.

Sull’istituzione di ‘zone rosse’ per le persone che commettono illeciti come avvenuto a Firenze, Fontana osserva che è necessario “avere un controllo più stretto delle persone che hanno commesso reati o che si presume facciano parte della malavita organizzata” e, conclude “bisogna dare alla polizia più risorse”.

di Francesca Morandi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»