Di Maio: “Importiamo 40% criminali rumeni”, ed è bufera

Di Maio lo ha scritto in un post su Facebook e sta attirando innumerevoli critiche. A partire da quelle dei cittadini rumeni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Italia ha importato dalla Romania il 40% dei loro criminali. Mentre la Romania sta importando dall’Italia le nostre imprese e i nostri capitali. Che affare questa Ue! Siccome in Italia la politica non ha mai voluto far funzionare la giustizia, anzi molto spesso l’ha sabotata volutamente, noi stiamo attraendo delinquenti, mentre le nostre imprese scappano dove i sistemi giudiziari sono più efficienti: come in Romania”. E’ il post pubblicato su facebook da Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, che in queste ore sta suscitando una forte polemica. Anche nella stessa pagina del suo profilo facebook, sono in molti a commentare negativamente le parole dell’esponente grillino. Tra questi anche dei cittadini rumeni. “I criminali ‘Rumeni’ sono in gran parte un mito, sfruttato per creare paura”, scrive Annibale. Angelica: “Caro Luigi…non è proprio così….trova invece il percentuale di quanti rumeni onesti lavorano onestamente nel vostro paese…inclusa me che sono anche cittadina italiana”.

Antonio si sfoga: “Un’affermazione così qualunquista è davvero la tua? Ho 15 Romeni/e a lavorare per me, fanno lavori che nessun Italiano vuole fare, se non ci fossero loro la metà degli anziani che vivono in famiglia sarebbero rinchiusi in ospizi-lager“. Enrico parla di “espressione disgustosa, signor Di Maio”. Molta rabbia anche dalla rumena Sahara: “Io alla sua pagina ho messo tempo fa un like essendo contenta che esistono quelli come lei…oggi me lo ritiro perche lei Luigi di Maio mi fa davvero schifo! Io sono romena, da 11 anni in Italia, con i miei altri 4 fratelli, e nessuno di noi ha mai commesso un minimo reato in tutti questo tempo! Paghiamo tasse, e tifavamo tanto per lei, ma cosi tanto che da noi i candidati del vostro partito ha avuto i voti! Mai più“.

Dal mondo politico arriva la presa di posizione molto dura di Gianni Pittella, presidente del Gruppo Socialisti e Democratici al Parlamento europeo: “Di Maio, che idiozia! Ma come può il vice presidente della Camera, un esponente di spicco del M5S lasciarsi andare a idiozie del genere sul conto di un intero popolo, quello rumeno, che tanto ha dato in termini umani, sociali ed economici all’Italia. Non si tratta di razzismo ma ahimè di becera ignoranza. Torna a studiare Di Maio. Risparmiaci il tuo quotidiano festival delle idiozie”. Anche Francesca Puglisi, senatrice Pd, dice la sua su Twitter: “L’ignoranza produce mostri. Se hanno ruoli istituzionali, gravi danni al Paese”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»