L’idea di Poletti: il tesoretto da 1,6 miliardi vada alla lotta alla povertà

poverta-italia
Il ministro: "Il trend dell'occupazione migliora"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????“Il paese ha bisogno di un intervento sul piano sociale, gli strumenti sono diversi, li discuteremo, ma io credo che la parte più debole del Paese abbia bisogno di una protezione migliore”. E’ quanto ha il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, durante l’intervista di Latella su Sky Tg24, parlando della destinazione del ‘tesoretto’ del Def.

“Il trend dell’occupazione migliora” ha comunque aggiunto il ministro. A chi gli faceva poi notare che i posti di lavoro in più sono minimi, Poletti ha risposto: “E’ materialmente impossibile sapere esattamente quale sia lo stato di andamento se non appunto su un dato qualitativo”, ossia “si riducono i contratti di collaborazione e a termine e aumentano i tempi indeterminato, questo è un dato uniforme”.

Rispetto ai 79 mila contratti a tempo indeterminato segnalati dal governo nei primi due mesi del 2015 Poletti ha aggiunto di non essere in grado di dire se sono posti nuovi o solo stabilizzazioni di contratti precari. “Lo sapremo tra un mese- ha chiarito- si è ridotta la cassa integrazione nei primi due mesi e sono aumentate le ore lavorate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»