Toti deluso: “Il dpcm cancella ogni speranza, erano più utili misure mirate”

giovanni toti
Il governatore della Liguria non nasconde il suo disappunto per il 'Decreto Pasqua': "Di fatto la zona gialla sparisce dall'Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Non vuole né “minimizzare” e né “banalizzare”, ma non crede “che un Decreto che cancella ogni minima speranza di poter aprire e lavorare anche dove le cose non vanno così male, aiuti in questo momento il Paese”. Da Facebook, il governatore della Liguria Giovanni Toti esprime il suo disappunto per le misure anti Covid in vista delle prossime settimane.

Con il Decreto approvato oggi dal Governo, sottolinea, “la zona gialla sparisce di fatto dall’Italia. Tutto chiuso fino a Pasqua, che, come Natale, sarà blindata“. Ora, anche se è vero che “il momento è difficile in molte zone” del Paese, “non credo che misure generalizzate su tutto il territorio nazionale aiutino a sconfiggere il Covid”. Toti, infatti, dice di restare convinto che “siano più utili misure mirate nelle zone in cui la pandemia picchia più duramente e che, dove invece è possibile, sia necessario lasciare un po’ di libertà all’economia e alle persone”. Il Decreto Pasqua, invece, “non è molto diverso dal Decreto Natale del precedente Governo. Ristoranti e bar chiusi, palestre e piscine chiuse, altro che riapertura di teatri e cinema prevista dal Decreto approvato solo pochi giorni fa. E purtroppo nessuna sburocratizzazione per accelerare la campagna vaccinale”.

Nell’ammettere che la situazione “in molte regioni è tornata difficile”, Toti non vede questa come “una giustificazione”. Perché le varianti “ci sono, e in Liguria la variante inglese ormai è dominante, ma secondo i nostri esperti non sta producendo un significativo cambiamento nei ricoveri”. Inoltre, manda a dire il governatore ligure, “ancora, anche questa volta, non c’è nessuna valutazione economica delle misure prese, né indicazioni precise circa i ristori, che devono essere tempestivi e retroattivi”.

LEGGI ANCHE: Toti: “Se arrivassero i vaccini promessi, non saremmo in grado di somministrarli”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»