Covid, in Emilia-Romagna al via terapia con plasma iperimmune su 170 pazienti

GIORNATA MONDIALE DEL DONATORE
Il governatore Stefano Bonaccini annuncia la sperimentazione dopo lo studio regionale avviato mesi fa su 100.000 donatori di sangue
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – È pronta a partire anche in Emilia-Romagna la terapia sperimentale anti-Covid col plasma iperimmune, sui primi 170 pazienti. Ad annunciarlo è il governatore Stefano Bonaccini, sui social network. “Alcuni mesi fa- ricorda il presidente- insieme al Centro regionale sangue, avevamo avviato uno studio regionale su 100.000 donatori di sangue dell’Emilia-Romagna. L’obiettivo della ricerca consisteva nel dare un contributo allo sviluppo delle conoscenze sulle risposte anticorpali al Covid, e così è stato”. I risultati dello studio, spiega Bonaccini, “hanno permesso di individuare donatori guariti dal virus e arruolabili per la donazione del plasma iperimmune. Grazie a loro sono state rese disponibili 57 sacche di plasma con le quali, dopo l’inattivazione virale come da protocolli clinici internazionali, si potranno effettuare trasfusioni rispondendo a 170 pazienti. Continuiamo a combattere il virus con tutte le nostre forze e tutti gli strumenti a disposizione”, chiosa il governatore.

LEGGI ANCHE: Bologna, sos personale negli ospedali: “Li aspettiamo fuori dalle sedute di laurea”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»