Intristiti in pigiama sul divano? Da Rimini in diretta fb ogni giorno un dj set per ‘l’apericasa’

Dj Fabiana chiama sul web gli irriducibili delle uscite: ogni sera una mezz'ora per accontentare i gusti musicali più disparati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Come fa quando va al lavoro nei vari locali di Rimini, si mette in ghingheri, si trucca e prepara il suo computer e le tracce che vuol suonare. Ma invece di uscire, dalle 19, per una mezz’ora in diretta Facebook dal suo salotto, fa “l’apericasa“. In questo periodo di isolamento generale, cosi come molti musicisti e artisti, anche dj Fabiana (aka Fabiana Acquisti) ha deciso di non lasciare soli i “segregati”. I riminesi, certo, ma anche tutti i fanatici dell’aperitivo costretti a casa e che magari vestono la stessa tuta o lo stesso pigiama per tutta la giornata.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, #acasaconvoi: da Nannini a Moro tutti i live in streaming

Mentre mixa i brani alla consolle, Fabiana risponde a chi le manda messaggi, saluta i gestori dei locali che di solito la ospitano, invita a fare brindisi, accetta richieste, loda i sanitari e tra un “andrà tutto bene” e l’altro, assicura che “presto ci rivedremo tutti dal vivo” e “potremo tornare ad abbracciarci e scambiarci baci”. Il principio dell’apericasa, oltre quello di “dare una svegliata” a chi si annoia sul divano è di migrare da uno stile di elettronica all’altro, sera dopo sera, per accontentare i gusti musicali più disparati.

Insomma, basta collegarsi sulla pagina Facebook di Fabiana Acquisti alle 19 col telefonino e il cocktail è servito. L’alcol ve lo dovete procurare da soli, però almeno siete sicuri che dopo l’aperitivo non dovete guidare. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | Il Coronavirus non ferma la musica, dal Salento parte la song’s challenge

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»