Bologna sta a casa e taxi si converte: “Faccio consegne gratis”

In una Bologna totalmente deserta, un tassista decide di fare qualcosa per aiutare gli altri: "È una dimostrazione di buona volontà, non sono un eroe"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Bologna si ferma, sta a casa, ma non la solidarietà. Nel primo giorno di stop ‘pesante’ in città per l’emergenza coronavirus, c’è chi si mette a disposizione per trasporti e consegne gratuite. E’ un tassista di Cotabo, molto attivo e seguito su Twitter, dove è conosciuto come RobertoRedSox. Questo il suo tweet di stamattina: “Annuncio zona di Bologna. Visto che io posso girare (come una specie di raccomandato mascherato) mi rendo disponibile per trasporti e consegne per le persone che sono in difficoltà e/o disagio che di solito non possono permettersi il taxi: gratis”.

LEGGI ANCHE: FOTO | Coronavirus, Bologna deserta nel primo giorno di ‘zona protetta’

Il tassista invita chi dovesse avere bisogno “per oggetti, pacchi, spesa” a scrivergli in privato, precisando che il “passaggio di consegne” avverrà “fuori dalla porta casa o condominio”. Se si tratta invece di trasporto di persona, nei casi autorizzati, questo avverrà senza “nessun contatto e muniti di mascherina”.

Insomma, “fino alla fine di questa emergenza, ci sono“, assicura RobertoRedSox. Che però non vuole enfatizzare il suo gesto: “Sia chiaro che non è nulla di eroico. È un bel gesto e una dimostrazione di buona volontà ma va detto che: ci sono colleghi che fanno volontariato tutto l’anno, reale, vero, concreto e solamente più silenzioso. Le persone belle là fuori ci sono”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»