Coronavirus, parte la raccolta fondi per gli ospedali lucani lanciata da Zaza

Simone Zaza, calciatore del Torino originario di Policoro, è riusciuto a raccogliere in un solo giorno 24mila euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Quasi 24mila euro. È quanto ha raccolto in un giorno Simone Zaza, calciatore del Torino originario di Policoro, per gli ospedali lucani con l’obiettivo di fare fronte all’emergenza coronavirus.

Le donazioni sono aperte sulla piattaforma gofundme.com. Il traguardo da raggiungere è la quota 100mila euro. E Zaza afferma sui social di aver contribuito alla causa con 10mila euro.

“Ho deciso – scrive sulla piattaforma al link attivato – di impegnarmi in prima persona per supportare la mia terra e aiutare gli ospedali affinchè si dotino di tutte le attrezzature necessarie per combattere l’emergenza che ha colpito la nostra nazione. Ho avviato una raccolta fondi per la Regione Basilicata da destinare agli ospedali di Policoro, Potenza e Matera e incrementare le postazioni di terapia intensiva. Grazie di cuore – conclude – a chiunque mi darà un aiuto”.

Quella promossa dall’attaccante non è l’unica raccolta fondi per la sanità della Basilicata attivata su gofundme: al momento ve ne sono sei, promosse tutte da giovani lucani. Tra questi, vi è anche l’imprenditore materano Giuseppe Ferrara, titolare del lido Sabbia d’oro di Scanzano Jonico.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Sileri: “In arrivo mascherine, ventilatori respiratori e 8 medici da Cina”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»