hamburger menu

Calenda: “+Europa ha detto no, il fronte unitario degli europeisti non ci sarà”

Lo comunica su twitter l'ex ministro Calenda, autore dell'appello 'Siamo Europei'

17-12-2020 14:13
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Piu’ Europa ha definitivamente chiuso all’ipotesi di fare una lista unitaria anche dopo l’offerta del Pd di piena e paritetica visibilità dei loghi sotto un ombrello comune. Il fronte unitario delle forze europeiste non ci sarà. È un grave errore. Peccato @SiamoEuropei”. Lo scrive Carlo Calenda su twitter.

EUROPEE. DELLA VEDOVA A CALENDA: NESSUN RIFIUTO MA CONDIVISIONE

“Caro Carlo, nessun rifiuto ma condivisione con Nicola Zingaretti: ci sarà lista @AldeParty e lista PSE, con visione comune a SiamoEuropei. Collaborazione per alternativa a governo giallo-verde. Faremo campagna per innovazione, industria, ambiente, libero commercio”. Cosi’ il segretario di Piu’ Europa Benedetto Della Vedova risponde a Carlo Calenda.

EUROPEE. CALENDA A DELLA VEDOVA: TATTICISMO LINGUISTICO, MI DISPIACE

“Benedetto avete detto di no alla lista unitaria. Era nel vostro pieno diritto farlo. Ma per cortesia evitiamo i tatticismi linguistici. Essendo stato un vostro sostenitore dal primo giorno ne sono dispiaciuto ma vi auguro comunque un successo elettorale e un buon lavoro in UE”, scrive Carlo Calenda, in un messaggio a Benedetto Della Vedova su twitter.

LEGGI ANCHE:

Europee, Calenda avverte Zingaretti: “Se il Pd va con il suo simbolo è incompatibile con il mio progetto”

Europee, Rossella Muroni lancia ‘l’onda verde e civica’: “Non sarà lista ‘rosso-verde’”

Europee, Calenda: “Obiettivo 30% con elettori del centrodestra delusi da Salvini”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2020-12-17T14:13:31+02:00