Calcio, Sarri trending topic su Twitter per la sua risposta sessista

Nel mirino Titti Improta, giornalista dell’emittente televisiva locale Canale 21
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – L’allenatore del Napoli Maurizio Sarri trending topic su Twitter. A sospingerlo in vetta alla hit nessun risultato calcistico ma il clamore seguito alla conferenza stampa del dopo partita con l’Inter nel posticipo domenicale.

Alla domanda: “crede che dopo il pareggio di oggi lo scudetto sia compromesso”, di Titti Improta, giornalista dell’emittente televisiva locale Canale 21, Sarri ha risposto “sei una donna, sei carina e non ti mando a fare in culo per questi due motivi”. Risultato: video virale e trending  topic per l’hastag #Sarri.

Il video

I commenti contro l’allenatore azzurro si sprecano e hanno, più o meno tutti il tono del cinguettio di Tommaso: “#Sarri dà del frocio ai colleghi, fa battute sessiste in conferenza stampa, in una frase di 10 parole usa 32 parolacce e se le domande non gli piacciono se ne va. Il problema non è lui ma la stampa che lo tratta come un guru invece di coglionarlo come qualsiasi troglodita”; o di quello di Giovanni: “Nel Medioevo comunicativo di #Sarri evidentemente le donne non hanno diritto di fare domande scomode a un allenatore di calcio. La cosa triste è che c’è anche chi ci ha riso su”.

C’è anche chi come Simona parla apertamente di “maestro di sto c…o” e chi, come Antonello, accusa l’intera categoria dei giornalisti ricordando che “le risate in sala stampa certificano la deriva del nostro giornalismo. In un Paese serio ci si alza e si va via“.

Rarissimi quelli che lo difendono. “In questo anarchico degrado comunicativo la sincerità di #Sarri ancora riesce a spiazzare qualcuno. In un mondo ipocrita, quello del calcio, e ancora di più quello della comunicazione, un uomo che non teme di dire quello che pensa fa paura a chi in falsità e ipocrisia ci sguazza” cinguetta Giovanni, ma è una voce fuori dal coro. Di “eleganti parole”, su Facebook riferisce Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania. “Una risposta sessista, inaccettabile. A telecamere spente – aggiunge Lucarelli – Sarri si è poi scusato, ma rimane la gravità della sua risposta che segna non solo il gergo volgare dell’allenatore ma il suo disprezzo verso la stampa e verso le donne. Totale solidarietà alla collega Titti Improta, dal segretario dell’Ordine della Campania e presidente della commissione Pari opportunità, che sta ricevendo in queste ore messaggi e sostegno da tutta l’Italia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»