Treni, un anno di ispezioni sulle linee dei pendolari (con Donini a bordo)

BOLOGNA - Sarà un anno di ispezioni sulle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

donini (700 x 525)BOLOGNA – Sarà un anno di ispezioni sulle principali linee ferroviarie dei pendolari in Emilia-Romagna. A guidarle personalmente l’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini, che ogni due-tre settimane affiancherà gli ispettori di Regione e Fer (sempre all’opera), insieme ai comitati locali degli utenti, per verificare di persona il rispetto degli standard del servizio: puntualità, affidabilità, igiene. “Non è un viaggio turistico o una passerella- sottolinea l’assessore- è un giro di ispezioni”. Questa mattina Donini ha iniziato dalla Porrettana e tutto sommato è stato ‘fortunato’, perchè i due viaggi tra Bologna a Porretta (andata alle 5.52 e ritorno alle 7.18), nell’ora più frequentata dai pendolari, non hanno avuto problemi. “Stamattina ci è andata bene- sorride Donini- mi hanno detto che il treno è arrivato in orario perchè c’era l’ispezione, ma probabilmente non è così”. L’assessore è comunque consapevole delle “tante segnalazioni di disagio” che riguardano la linea e che stamattina ha sentito dalla viva voce di lavoratori e studenti.
Nel suo viaggio, Donini ha notato “parecchia gente in piedi, circa 100, comunque compatibile con la portata del treno”. E ha riscontrato alcuni “problemi di infrastruttura”, ad esempio alla stazione di Vergato, dove i disabili hanno difficoltà ad arrivare ai treni. Proprio per risolvere problemi di barriere architettoniche e adeguare le stazioni, la Regione stanzierà quest’anno circa un milione di euro. Il giro di ispezioni durerà un anno, in media una ogni 2-3 settimane, su tutte le principali linee dei pendolari: la prossima tappa dovrebbe essere nel reggiano. L’iniziativa è condivisa col Crufer, il comitato regionali degli utenti, con cui Donini ha intenzione di stilare un piano di lavoro sulle priorità d’intervento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»