Emergenza Sardegna, mozioni bipartisan: “Il Governo intervenga” – VIDEO

Dai trasferimenti dello Stato alla stipula della convenzione sulle servitu' militari, alla questione occupazionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Due mozioni bipartisan sulla Sardegna, “isola dimenticata dalle politiche nazionali ed europee”.
Un vasto schieramento di parlamentari chiede che siano iscritte al piu’ presto ai lavori di Camera e Senato per impegnare il governo a istituire un tavolo di confronto che risolva i problemi piu’ urgenti.

 

Oggi la conferenza stampa a Montecitorio alla quale hanno partecipato i primi firmatari dei due testi Luciano Uras (Sel) e Roberto Capelli (Pi-Cd). Presenti tra gli altri Roberto Cotti (M5s), Emilio Floris (Fi), Anna Maria Busia (Pi-Cd), Pierpaolo Vargiu (Sc), Michele Piras (Sel).
Deputati e senatori disegnano una vera e propria ‘road map’ delle emergenze in Sardegna, dai trasferimenti dello Stato, dove mancano 900 milioni. Alla stipula della convenzione sulle servitu’ militari, alla questione occupazionale, che ha visto l’isola perdere in tre anni il 7,5 per cento degli occupati e solo nell’ultimo anno 10mila posti di lavoro.

Tra i firmatari delle mozioni anche Dellai, Tabacci, Labriola, Di Gioia, Lo Monte, Fauttilli, Angioni, Serra, Barozzino, Bencini, Bignami, Bocchino, Campanella, Casaletto, Cervellini, Compagnone, De Cristofaro, De Petris, De Pietro, De Pin, Dirindin, Gambaro, Mussini, Petraglia, Ricchiuti, Maurizio Romani, Scilipoti Isgro’, Sposetti e Stefano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»