Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marino: 613.000 romani esentati dal pagamento dell’Irpef

Il sindaco: tolto l'addizionale per i cittadini con un reddito imponibile fino a 12mila euro.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ignazio MarinoOltre 613.000 romani non pagheranno più l’Irpef. Questa la novità più importante contenuta nel bilancio di Roma Capitale 2015. “Oggi- ha spiegato il primo cittadino- grazie al lavoro notturno della Giunta, alla riduzione della Tari annunciata ieri aggiungiamo altri 9,3 milioni che mettiamo nelle tasche dei cittadini romani più deboli: l’anno scorso avevamo tolto l’addizionale Irpef per i cittadini che avevano un reddito imponibile fino a 10mila, oggi alziamo l’esenzione Irpef fino a 12mila euro. Si passa quindi da 530mila a 613mila romani esentati, ovvero 83mila cittadini in più che a Roma avranno un beneficio fiscale da questo nostro bilancio”.

“In due giorni di lavoro stiamo comunicando che romani e romane avranno con questa manovra 20 milioni di euro in più nelle loro tasche- ha aggiunto Marino- Abbiamo messo 11,5 milioni di euro nelle tasche dei romani perché abbiamo diminuito per la prima volta nella storia di questa città la tariffa per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Oggi altri 9 milioni di euro perché eliminiamo l’addizionale Irpef per tutti i romani che hanno un reddito inferiore a 12mila euro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»