hamburger menu

Chi è Roberto Cingolani, il ministro alla Transizione ecologica del governo Draghi

Ecco il curriculum del neo ministro della Transizione ecologica

Pubblicato:12-02-2021 20:12
Ultimo aggiornamento:13-02-2021 17:07
Canale: Ambiente
Autore:
roberto cingolani
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Roberto Cingolani è il ministro alla Transizione ecologica nel governo Draghi, al quale approda da Leonardo, dove da settembre 2019 ha ricoperto il ruolo di Chief Technology & Innovation Officer.

Cingolani sarà il “ministro dell’Ambiente, che assumerà la denominazione di ministro per la Transizione ecologica”, ha spiegato il presidente del Consiglio Mario Draghi dal Quirinale.
Il ministero assorbirà “le competenze in materia energetica allo stato attribuite ad altri ministeri”, aggiunge il presidente del Consiglio. Cingolani “presiederà l’istituendo Comitato interministeriale per il coordinamento delle attività concernenti la transizione ecologica”, precisa Draghi.

Cingolani – si legge nella sua scheda sul sito della società – ha conseguito la Laurea in Fisica presso l’Università di Bari e nel 1989 il Diploma di Perfezionamento (PhD) in Fisica alla Scuola Normale Superiore di Pisa.

E’ stato ricercatore al Max Planck Institut di Stoccarda (Germania), Visiting Professor all’Institute of Industrial Sciences della Tokyo University (Giappone) e alla Virginia Commonwealth University (USA).

Nel 2000 Cingolani è stato nominato Professore Ordinario di Fisica Sperimentale all’Università di Lecce. Nel 2001 fonda e dirige il National Nanotechnology Laboratory (NNL) dell’INFM a Lecce.

Nel 2005 ha fondato l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova di cui è stato Direttore Scientifico fino alla nomina come Chief Technology & Innovation Officer di Leonardo.

Cingolani è stato insignito dei titoli di Alfiere del Lavoro nel 1981 e di Commendatore della Repubblica Italiana nel 2006. È autore o co-autore di oltre mille pubblicazioni su riviste internazionali e ha al suo attivo oltre cento brevetti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2021-02-13T17:07:12+01:00

Ti potrebbe interessare: