Primo rombo per la Ferrari SF21 a Maranello

Ferrrari Maranello
Il Team principal Matteo Binotto ha introdotto la nuova monoposto, "sviluppata e migliorata in tutte le aree", pronta per "un anno di sfide"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Questa mattina a Maranello è stata accesa per la prima volta la SF21, la monoposto che la scuderia Ferrari Mission Winnow schiererà in questa stagione di Formula 1 per Charles Leclerc e Carlos Sainz. Pochi minuti prima dell’accensione – si legge sul sito Ferrari – il Team principal, Mattia Binotto, ha voluto parlare ai componenti della squadra, che hanno potuto assistere a questo importante momento da remoto, collegati in audio e video.

ferrari binotto

“È l’inizio della nostra stagione 2021- ha affermato Binotto- ci aspetta un anno di sfide e c’è grande voglia di riscatto. La vettura è stata sviluppata e migliorata in tutte le aree per quanto ci era consentito. Dobbiamo metterci tutta la nostra determinazione e rimanere umili- ha concluso- consapevoli di dove eravamo e di dove vogliamo arrivare”.

Il rombo della nuova power unit è risuonato per alcuni secondi nell’area dedicata al montaggio veicolo, alla presenza del personale strettamente necessario, nel rigoroso rispetto delle norme anti pandemia. Come già anticipato dal Team principal, quest’anno la presentazione di squadra e vettura sarà articolata in due eventi online separati, rispettivamente il 26 febbraio e il 10 marzo.

LEGGI ANCHE: Bernie Ecclestone ha acquistato la serie “Legacy” che celebra la Ferrari

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»