Prescrizione, bocciato il lodo Annibali. Pd: “Avanti con le modifiche alla legge Bonafede”

L'emendamento IV-Lega al Milleproroghe è stato respinto con un voto di 49 a 40
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ stato respinto con un voto chiarissimo di 49 a 40 l’emendamento IV-Lega al Milleproroghe sulla prescrizione che non avrebbe modificato, come farà invece la maggioranza con una proposta di legge da approvare quanto prima, la legge Bonafede. Siamo determinati ad andare avanti e nei prossimi giorni avremo finalmente la riforma del processo penale, così come previsto dal programma di governo, e la modifica alla prescrizione. Sia chiaro, per onore di cronaca, che se sarà in vigore la legge Bonafede ancora per un po’ è solo per merito di Italia Viva”. Così in una nota il vicecapogruppo Pd alla Camera dei Deputati Michele Bordo.

PD: “SU EMENDAMENTO IV-LEGA OPPOSIZIONE PERDE PEZZI”

“Con il voto per l’emendamento Iv-Lega sulla prescrizione, respinto con 49 voti contrari a 40, l’opposizione perde pezzi. È finita questa sceneggiata. Lavoriamo per garantire che i processi non durino più di 5 o 6 anni. E facciamo sul serio sui temi del lavoro, dell’innovazione, della conoscenza, della sostenibilità ambientale, della crescita, della famiglia. E’ tempo di voltare pagina”. Così in una nota Nicola Oddati della segreteria nazionale Pd.

ANNIBALI: “CDM? LODO CONTE BIS PER NOI INVOTABILE”

“Domani c’è il Consiglio dei ministri e noi non sappiamo nulla, non è ancora chiaro il veicolo, noi continuiamo a dire che se dentro la bozza della riforma del processo penale c’è il lodo Conte bis per noi è impossibile sostenerlo, è invotabile”. Lo ha detto la deputata di Iv, Lucia Annibali, a margine dei lavori delle commissioni sul Milleproroghe.

“È stata una lenta e lunga agonia questo voto, oggi si sono organizzati” e “il mio emendamento è stato respinto. È stata una scelta di poco buon senso, irragionevole, che non possiamo sostenere per questione di merito, di diritto, di principi”, aggiunge Annibali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»