Prescrizione, Renzi: “Zingaretti imbarazzato, non seguiremo il Pd”

"Non diventiamo populisti perchè così piace ai Cinquestelle", dice Renzi. Il governo cadrà? "Dovrebbe preoccuparsi dei problemi concreti degli italiani"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Per Zingaretti noi facciamo polemiche ad arte? Zingaretti è imbarazzato. Aveva una grande chance: dimostrare che il Pd era la casa dei riformisti e invece vogliono sposarsi con i i grillini. Di certo non li seguiremo nel’abbraccio mortale“. Lo dice Matteo Renzi al Tg2.

“NON DIVENTIAMO POPULISTI PERCHÈ COSÌ PIACE A M5S”

“Noi stiamo dalla parte della civiltà giuridica e della garanzia. Non diventiamo populisti perchè così piace ai Cinquestelle. Spero che il governo non cada, comunque il governo dovrebbe preoccuparsi dei problemi concreti degli italiani”afferma Renzi al Tg2 rispondendo ad una domanda sulla possibilità che il governo possa cadere dopo il voto di Italia Viva con le opposizioni in merito alla prescrizione.

LEGGI ANCHE: Prescrizione, Bonafede: “Non offro sponde a chi alza i toni, ciascuno è libero di stare in maggioranza o meno”

“CHI HA LETTO LODO CONTE 2 SA CHE RESTA LO STOP”

“Lo stop alla prescrizione resta anche con il Lodo Conte 2. Solo chi non lo ha letto, come alcuni parlamentari di maggioranza, può sostenere il contrario”, dice ancora Matteo Renzi al Tg2.

LEGGI ANCHE: Il governo pronto a chiedere la fiducia sulla prescrizione, Renzi studia la sua mossa: sfiducia per Bonafede

“TONI INAPPROPRIATI DA IV? CONTE PENSI A GOVERNARE”

“Conte dice che IV non usa toni appropriati per una maggioranza sulla prescrizione? Penso che al presidente del Consiglio vada chiesto di risolvere i problemi, non di commentarli. Se ha delle idee le metta sul tavolo e governi. Pensano che siamo tutti in vendita ma non è così. Su certi principi non si tratta”, aggiunge Renzi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»