A Bologna pentolata per Zaky: “Facciamo rumore”

Bologna non si ferma e, per la terza volta, continua a mobilitarsi per mantenere viva l'attenzione sul caso dell'attivista egiziano arrestato la settimana scorsa al suo arrivo al Cairo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Pentole e mestoli per farsi sentire il più possibile e “gridare a gran voce che Patrick Zaki dev’essere liberato subito“. Bologna non si ferma e, per la terza volta, continua a mobilitarsi per mantenere viva l’attenzione sul caso dell’attivista egiziano e, da settembre, studente dell’Università di Bologna, arrestato tra la notte di giovedì e venerdì a Il Cairo.

LEGGI ANCHE: Egitto, l’appello della famiglia di Zaky: “Angosciati per la sicurezza di Patrick, sia rilasciato”

 

L’appuntamento, organizzato da Amnesty Bologna e la pagina Facebook ‘Patrick libero’, è per oggi pomeriggio, dalle 18.30 in piazza Nettuno. Il sit-in, replica di quelli di domenica e lunedì sera, ha tre obiettivi principali. Prima di tutto, che Zaky venga subito rilasciato dalle autorità egiziane e che siano fatte cadere tutte le accuse a suo carico; che il governo egiziano non perseguiti la sua famiglia in futuro e che Zaky possa continuare i suoi studi a Bologna, dove ha vinto una borsa di studio di due anni per seguire il master Gemma in studi di genere. Infine, Amnesty chiede l’apertura di un’indagine trasparente e con una supervisione a livello internazionale sulle circostanze del suo arresto e sulle torture subite.

LEGGI ANCHE: Amnesty: “Il destino di Zaky è in mano all’Italia”

Stasera, ancora una volta, “è importante farci sentire, quindi vi incoraggiamo a portare pentole e mestoli da sbattere in stile cacerolazo“, scrivono gli organizzatori sull’evento Facebook che, pubblicato solo ieri sera, ora conta 250 persone ‘interessate’ a partecipare.

LEGGI ANCHE: Costantini, disegnatore di libertà: “Patrick Zaky non sia lasciato solo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»