Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Villacidro, incendiata l’auto della sindaca

Marta Cabriolu: "Siamo a quota 2. Non lasciateci soli"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – Atto intimidatorio ieri notte, ai danni della sindaca di Villacidro (Cagliari), Marta Cabriolu. Intorno alle 22.30 l’auto della sindaca, parcheggiata a due metri dal cancello dell’abitazione, e’ stata data alle fiamme. Per la prima cittadina del comune sardo si tratta del secondo attentato in pochi mesi, dopo quello nel maggio dell’anno scorso.

“Siamo a quota due- il commento su Facebook di Cabriolu-. Alle 22.20 circa di stanotte ho subito il secondo atto intimidatorio. Il primo era stato il 27 maggio 2017, notte in cui la mia macchina fu incendiata. Oggi nello stesso modo, qualcuno ha cercato di colpire la mia persona”. Prosegue la sindaca: “Quanto accaduto deve mantenere alta nelle istituzioni l’attenzione verso gli amministratori locali, sempre piu’ vessati e sempre piu’ soli. Non dimenticatevi di noi, non possiamo essere aiutati nel nostro gravoso compito solo dalle promesse. I sindaci e gli amministratori locali devono essere aiutati con atti concreti”. Serve “maggiore presidio del territorio da parte delle Forze dell’ordine- continua- e attuazione del piano sicurezza con impianti di videosorveglianza. Attendiamo che la Regione pubblichi il bando. Noi siamo pronti. Abbiamo bisogno di un segnale forte e lo stesso deve essere dato ai nostri cittadini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»