Ospedale di Ascoli Piceno: il sindaco punzecchia Ceriscioli

Anche nel corso dei festeggiamenti del Carnevale nel centro storico della citta' il sindaco di Ascoli Guido Castelli torna sulla delicata questione dell'ospedale unico del Piceno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ASCOLI PICENO – Anche nel corso dei festeggiamenti del Carnevale nel centro storico della citta’ il sindaco di Ascoli Guido Castelli e’ tornato a “punzecchiare” il governatore della Regione Marche Luca Ceriscioli sulla delicata questione dell’ospedale unico del Piceno. “Mi e’ arrivata una lettera da Ceriscioli in cui mi si chiedeva di trovare la nuova ubicazione del plesso ospedaliero tra Ascoli e San Benedetto- dice Castelli in mezzo ad una folla di gente in piazza del Popolo-. In questa lettera c’era anche una sorta formula magica per individuarla che pero’ io ho perso…”.

Ho chiesto al presidente del Consiglio se mi dava una mano a risolvere questa complicata vicenda

Sempre con tono goliardico il primo cittadino ascolano ha fatto riferimento all’incontro avuto nei giorni scorsi, proprio ad Ascoli, con il premier Paolo Gentiloni: “Ho chiesto al presidente del Consiglio se mi dava una mano a risolvere questa complicata vicenda e lui mi ha mandato un emissario che ha risolto il problema”.

In una riproduzione dell’antico gioco della campana i cittadini potevano divertirsi a saltellare scegliendo dove ubicare i servizi ospedalieri nel territorio piceno

Il “fantomatico” emissario, sempre in tenuta carnascialesca, ha steso sul travertino di piazza del Popolo un grosso foglio di carta in cui, in una riproduzione dell’antico gioco della campana, i cittadini potevano divertirsi a saltellare scegliendo dove ubicare i servizi ospedalieri nel territorio piceno. Con sarcasmo quindi il primo cittadino ascolano ha riacceso la polemica con il governatore Ceriscioli dopo che lo scorso 8 febbraio gli aveva inviato una lettera formale in cui chiedeva di rivalutare la decisione di non dare seguito alla costituzione dell’azienda ospedaliera sud e di riattivare i necessari confronti per la localizzazione di un plesso ospedaliero unico e baricentrico. “Altrimenti l’ospedale unico di Ascoli e San Benedetto potremmo farlo a Pesaro”, chiosa un sorridente Castelli in pieno clima carnascialesco.

201802120214000046603
201802120214000046602
201802120214000046601
2018021202140000466
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»