Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Germania non premia i poliziotti che hanno fermato Amri: “Foto di Mussolini sui social”

La Germania aveva inizialmente celebrato l'impresa della Polizia italiana, poi la retromarcia una volta apprese le simpatie nazifasciste degli agenti coinvolti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Hanno pubblicato foto di Benito Mussolini sui loro canali social, scatti di loro stessi intenti a fare il saluto romano e post anti-immigrati e inneggianti al nazismo: per questo i due poliziotti che fermarono e uccisero il terrorista della strage di Natale a Berlino, Anis Amri, non saranno premiati alle autorità tedesche. La notizia è riportata dal quotidiano tedesco ‘Bild(qui).

La Germania aveva inizialmente celebrato l’impresa della Polizia italiana, quando i due agenti fermarono e uccisero alle porte di Milano l’uomo che, alla guida di un camion, aveva fatto irruzione a un mercatino di Natale nella capitale tedesca provocando dodici vittime. Da qui era nata l’idea di premiare i due, poi la retromarcia una volta apprese le loro simpatie nazifasciste.

LEGGI ANCHE Ucciso a Milano l’attentatore di Berlino. Minniti: “Amri ha sparato subito. Ferito l’agente Movio”

La vicenda delle deprecabili condivisioni social dei due era emersa pochi giorni dopo la loro celebrazione come ‘eroi’. I loro profili vennero oscurati e lo sono tuttora.  

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»