NEWS:

Aereo di Ita ‘tampona’ un altro velivolo sulla pista del Jfk di New York: danni e volo cancellato

L'incidente è avvenuto la notte del 2 gennaio durante la fase di rullaggio. La compagnia italiana: "Le collisioni di questo genere sono un fenomeno in aumento"

Pubblicato:12-01-2023 14:29
Ultimo aggiornamento:12-01-2023 14:30
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Incidente sulla pista dell’aeroporto di New York Jfk tra un aereo di Ita Airways e uno di Delta Airlines. L’episodio è avvenuto la notte del 2 gennaio, quando l’aeromobile della compagnia italiana che operava il volo AZ610 proveniente da Roma Fiumicino in fase di rullaggio ha urtato con l’estremità dell’ala destra lo stabilizzatore dell’aereo di Delta presente sulla pista.

A causa dei danni riportati dall’aeromobile, Ita ha cancellato il volo per Roma, con i passeggeri costretti a partire per l’Italia il giorno dopo. Il velivolo di Ita Airways è rientrato all’aeroporto di Fiumicino in queste ore, come informa la compagnia in una nota.

Sulla dinamica dell’incidente, Ita spiega: “La Compagnia comunica di aver attivato le procedure interne per ricostruire le circostanze, informando tempestivamente le autorità aeronautiche preposte a cui continuerà a fornire totale collaborazione con la massima trasparenza. Ita Airways conferma di operare sempre nel rispetto di tutti i requisiti dettati dalle autorità competenti, a garanzia degli standard di sicurezza richiesti”.


Il comunicato di Ita prosegue: “Sono state poste in atto dalla Compagnia ulteriori misure cautelative, nell’ottica di continuo miglioramento degli standard di sicurezza. Le collisioni nelle fasi di rullaggio, in particolare su aeroporti molto congestionati come JFK, sono un fenomeno in aumento e costantemente all’attenzione delle autorità aeronautiche”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy