Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il sindaco di Bologna Lepore passa una notte in strada con i clochard

matteo lepore senzatetto bologna
Il primo cittadino ha trascorso una notte sotto i portici con gli operatori che aiutano i senzatetto. "Dormitori sempre pieni, ma ai cittadini chiedo di segnalarci chi ha bisogno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Una notte in strada con i clochard e gli operatori che ogni sera portano loro una coperta o una bevanda calda. È la scelta fatta dal sindaco di Bologna, Matteo Lepore, che qualche giorno fa ha deciso “di accertarmi di persona di cosa facciamo come città per i senza dimora“, visto anche il brusco abbassamento della temperatura. Un giro sotto i portici che Lepore ha poi raccontato questa mattina sui social e a margine di una conferenza stampa in Comune. “Era importante per me come sindaco andare in strada – spiega Lepore ai cronisti – insieme agli operatori che lavorano da anni con i servizi pubblici e le realtà del sociale”.

A Bologna, ricorda il sindaco, sono disponibili 550 posti letto nei dormitori, “con tante persone ospitate ogni sera: siamo sempre pieni”. Ma ci sono anche “una novantina di persone che vogliono rimanere in strada a dormire, anche al freddo – racconta Lepore – una ventina di loro sono dentro a un continuo giro di incontri per convincerli a entrare nei dormitori, ma ci sono anche tanti irriducibili”.


Il sindaco sottolinea che “sono tanti i cittadini che ci segnalano queste persone in strada. Ed è importante che lo facciano, perché queste persone sono fragili. Hanno contesti familiari molto tragici e se scelgono di rimanere in strada non è per dare fastidio alla comunità, ma perché spesso hanno una situazione psicologica ed economica molto seria e grave. Noi ci dobbiamo prendere cura di loro e credo che Bologna in questo sia una città molto preparata anche dal punto di vista professionale. Era giusto raccontarlo”.


La visita ai clochard, continua Lepore, “è anche un modo per comunicare che Bologna è l’unica grande città con un servizio pubblico impegnato su questo, impegnato insieme al terzo settore, da anni, con risorse pubbliche che servono non solo a togliere queste persone dalla strada, ma a ricostruire loro anche un’autonomia e un inserimento lavorativo”. Sui social, il sindaco ribadisce l’invito ai cittadini a segnalare la presenza di clochard in strada o sotto i portici, in particolare chi potrebbe aver bisogno di aiuto. E aggiunge: “Volevo capire fino in fondo come ci prendiamo cura di loro e per rispondere a domande anche semplici, ma che ci fate in molti: perché nonostante i dormitori a disposizione queste persone decidono comunque di dormire in strada, con questo freddo? Chi sono? Perché vivono così? Mi ha accompagnato chi aiuta queste persone ad attraversare il confine invisibile dell’emarginazione. A volte riuscendo a indirizzarli in un percorso o semplicemente ad offrire un posto caldo per la notte. Altre volte provando e riprovando ancora. Ne è nato un piccolo reportage, dove potrete vedere alcune delle risposte che ho trovato anche io”, conclude Lepore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»