Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “Il Governo deve andare avanti anche senza Draghi premier”

matteo salvini mario draghi
Il leader della Lega assicura il sostegno del suo partito alla continuità dell'azione dell'esecutivo, anche se il premier dovesse essere eletto al Colle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io conto che il prossimo presidente del Consiglio si chiami Mario Draghi e di continuare a lavorare con lui”. Lo dice il segretario della Lega Matteo Salvini, durante una conferenza stampa alla Camera. Con le imminenti elezioni per il prossimo presidente della Repubblica e la concreta ipotesi che al Quirinale vada l’attuale premier, i partiti politici prendono posizione sul futuro della legislatura.

Se Silvio Berlusconi ha fatto sapere che Forza Italia non sosterrà un altro esecutivo che non sia guidato dal presidente del Consiglio, il leader del Carroccio assicura che il suo obiettivo è la continuità: “Noi non abbiamo nessuna exit strategy, ma vogliamo rafforzare il Governo in un anno difficile e impegnativo come il 2022. La Lega c’è, noi ci mettiamo la faccia. La scelta più lineare è che Mario Draghi continui a fare il presidente del Consiglio, ma noi ci siamo a prescindere da come si chiami il presidente del Consiglio“. Salvini non si sbilancia invece sul nome del prossimo inquilino del Colle: “Tra una quindicina di giorni lo saprete”, risponde.

FONTI LEGA: “PD PARTITO DEI NO, COSÌ NON AIUTA IL PAESE”

“Il Pd si conferma il partito dei no. Ha detto no al tavolo dei leader, no a un impegno diretto dei segretari a sostegno del premier Draghi, no al tavolo per l’energia, no a una personalità di centrodestra per il Quirinale”. Così fonti della Lega, che sottolineano che il Carroccio “conferma la propria proposta: offrire le migliori energie dei partiti a sostegno di Draghi e del Paese. Chi dice sempre e solo dei no, non aiuta l’Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»