Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo, Conzatti (Iv): “Basta immobilismo o non c’è più la maggioranza”

conzatti-scaled
La senatrice di Italia Viva Donatella Conzatti chiede al premier "un nuovo patto di legislatura da cui ripartire"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il governo non può continuare a “stare immobile”, Conte non provi a “nascondere i problemi sotto al tappeto”, perché altrimenti “non c’è una maggioranza parlamentare”. Lo dice la senatrice di Italia Viva Donatella Conzatti, che chiede al premier “un nuovo patto di legislatura da cui ripartire“. Intervistata dall’agenzia Dire, spiega: “Noi chiediamo dal 22 luglio del 2020 di poter lavorare al Recovery plan quindi sulla fretta siamo assolutamente d’accordo. Aspettiamo di vederlo, la nostra delegazione ha lasciato il tavolo con una bozza di tredici pagine e ora aspettiamo il testo definitivo, fino a quel momento non siamo in grado di dire se le richieste sono state accolte oppure no e se gli aumenti di risorse sulla sanità, la scuola e i giovani siano state effettivamente stanziate oppure no. stiamo attendendo”.

Poi, attacca: “Noi stiamo solo dicendo che dobbiamo avere un governo in forza, nella piena capacità di spendere bene i soldi europei per fare le riforme e non stare immobile, come abbiamo visto negli ultimi mesi”. Per Conzatti “bisogna che il Recovery plan abbia un obiettivo: creare crescita aggiuntiva, un pil in fortissima crescita affinché il nostro debito rimanga sostenibile. Noi non vogliamo che ancora una volta Conte nasconda i problemi sotto il tappeto. Ci sono problemi enormi di visione e di ricostruzione dell’Italia, problemi che vanno affrontati altrimenti non c’è una maggioranza parlamentare”.

LEGGI ANCHE Zingaretti: “Crisi di Governo sarebbe un grave errore, un tunnel senza uscita”

Inviato il Recovery plan ai ministri, stasera il Cdm

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»