Morto un migrante nel Centro di permanenza per i rimpatri di Caltanissetta

Lo denuncia l’associazione ‘Lasciateci entrare’
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un cittadino tunisino e’ morto nel Centro di permanenza per i rimpatri di Caltanissetta. Lo denuncia l’associazione ‘Lasciateci entrare’.  Gli ospiti del centro hanno segnalato nei giorni scorsi l’assenza di riscaldamento in alcuni locali, il sovraffollamento nella struttura, la carenza di personale socio-sanitario e la difficolta’ di incontrare gli avvocati. Le proteste sono sfociate anche nell’incendio di oggetti e indumenti. Il ragazzo si chiamava Mekni Aymen, era del 1986. A febbraio avrebbe compiuto 34 anni. Non si conoscono le cause, l’associazione ‘Lasciateci entrare’ parla di mancata assistenza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»