A Roma il ricordo di Otello Stefanini, vittima della Uno bianca

È stato ricordato questa mattina a Roma il Carabiniere, medaglia d’oro al Valore civile alla memoria, Otello Stefanini.

Nato a Roma il 14 settembre 1968, Stefanini rimase vittima insieme ai colleghi Mauro Mitilini ed Andrea Moneta, la sera del 4 gennaio 1991 a Bologna, nel quartiere del Pilastro, dell’assalto passato alla cronaca giudiziaria come la strage della banda della Uno bianca.

Dopo gli onori militari, il generale Antonio De Vita, comandante provinciale dei Carabinieri di Roma ha deposto una corona d’alloro in via Furio Camillo, presso l’abitazione della famiglia del Carabiniere Stefanini, davanti alla targa che lo ricorda.

Una seconda corona e’ stata deposta dalla presidente del settimo Municipio di Roma, Monica Lozzi.

Alla cerimonia, oltre ai genitori di Stefanini e al fratello Alessandro, erano presenti il colonnello Antonio Petti, comandante del gruppo Carabinieri di Roma, una rappresentanza delle istituzioni e delle forze dell’ordine della Capitale e tantissimi cittadini del quartiere che hanno voluto stringersi alla famiglia nel dolore del ricordo.

12 Gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»