Stadio della Roma, nessuna decisione in conferenza dei servizi: ora ultimi 15 giorni di fuoco

Ancora 15 giorni di fuoco per capire come finirà il progetto dello stadio della Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Ancora 15 giorni di fuoco per capire come finirà il progetto dello stadio della Roma. Questa mattina la conferenza dei servizi si è chiusa con un nulla di fatto e con l’annuncio che la prossima riunione si terrà il 31 gennaio. Un solo giorno prima della chiusura dei lavori prevista per l’1 febbraio, e non per il 6 come si supponeva fino ad oggi. Il voto finale è poi previsto per il 6 marzo, dopo circa un mese necessario alla stesura dei documenti.

Dunque i temi caldi previsti nel dossier stadio non sono stati presi in considerazione. Durante la riunione di oggi si è parlato soprattutto di trasporti, sono state chieste, da parte del Comune, diverse integrazioni progettuali ma non si è approvato ancora nessun atto formale che ufficializzi la posizione finale del Campidoglio sul progetto.

In particolare i tecnici al tavolo non hanno ancora affrontato il nodo delle cubature. Il taglio di una o più torri è rimasto sullo sfondo mentre qualche piccolo passo in avanti è stato fatto sul tema del trasporto su ferro. Per la prima volta i rappresentanti del Comune hanno ipotizzato di spostare gli investimenti richiesti alla Roma per il collegamento ferroviario, dalla precedente richiesta della biforcazione della Metro B al potenziamento della Roma-Lido. Era un tema di cui si discuteva informalmente già da tempo ma che non era mai stata discusso ufficialmente nella conferenza decisoria.

Nello specifico il Campidoglio si è detto disponibile a chiedere al presidente James Pallotta di farsi carico dell’acquisto di nuovi treni per la linea, il cui potenzialmento è comunque legato al parallelo investimento di 180 milioni da parte della Regione con i quali si procederà ad un restyling dell’infrastruttura in termini di armamento, linee elettriche e stazioni. Risorse assolutamente indipendenti rispetto al progetto stadio che però non erano sufficienti al rinnovo complessivo del parco convogli della Roma-Lido. Si è poi parlato molto dei nuovi svincoli tra il nuovo ponte ed il Gra.

I recenti accordi tra il Comune e la Roma, prodotti dalle riunioni informali in Campidoglio dei giorni scorsi, non hanno quindi ancora prodotto una delibera specifica. Ma il tempo stringe. Oggi il presidente della conferenza ha chiuso i lavori imponendo una decisiva accelerazione. Il Comune dovrà ora produrre un atto entro poche settimane.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»