Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dieta della flebo per dimagrire, il medico: “E’ pericolosissima”

Rischia di provocare un surplus di lavoro per i reni, reazioni allergiche e infiammazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ l’ultima moda per dimagrire: farsi iniettare in vena mix multivitaminici, sali minerali e altre sostanze come antiossidanti e anestetici locali come la lidocaina. Il dottor Luciano Atzori, Esperto in Sicurezza alimentare, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus nel corso del programma “Genetica Oggi” condotto da Andrea Lupoli. “E’ una moda senza fondamenti scientifici per ciò che viene utilizzata. E’ nata nello ‘star system‘ americano dei Vip. Non è coadiuvato da reali esigenze. L’uso di una flebo con inserimento di liquidi in vena è una metodica impiegata solo in particolari casi come i pazienti non in grado di alimentarsi o bere. Esclusi casi di questo tipo, non ha nessun senso introdurre delle vitamine, dei sali minerali o delle sostanze antiossidanti nel nostro corpo per darci l’illusione di una dose di salute. Farsi fare una flebo per dimagrire aumenta i rischi per la salute.

Si può andare incontro ad un eccesso di vitamine che porta per esempio ad un surplus di lavoro ai reni, un eccesso di vitamine come A, D oppure K è pericolosissimo perché si accumulano nel nostro corpo dando effetti tossici. Inoltre si può andare incontro ad infezioni, a reazioni allergiche, ad infiammazioni. E’ una dieta per sfigati”, spiega Atzori.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»