Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Innovazione: al via il protocollo d’intesa tra Miur, Fastweb ed Eppela

La firma è prevista per giovedì 14 gennaio. Al centro dell'accordo il progetto 'FastUp School' per la realizzazione di progetti di innovazione nelle scuole coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale e selezionati mediante Protocolli in Rete
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
scuole, classi, scuolaROMA – Giovedì 14 gennaio alle ore 12, presso il Salone della Comunicazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sarà siglato il Protocollo d’intesa fra il Miur, Fastweb ed Eppela che ha al centro il progetto ‘FastUp School’ che fa uso della omonima piattaforma di crowdfunding dedicata al settore scolastico per la realizzazione di progetti di innovazione nelle scuole coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale e selezionati mediante Protocolli in Rete.
Alla presentazione del Protocollo parteciperanno gli amministratori delegati di Fastweb Alberto Calcagno e di Eppela Nicola Lencioni. Concluderà gli interventi il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini.
Parteciperanno anche gli insegnanti e i dirigenti dell’Istituto Comprensivo Santa Caterina da Siena di Sesto San Giovanni (Mi), dell’Istituto comprensivo De Amicis di Lissone (Mb) e dell’Istituto comprensivo Perugia 11, G. Pascoli di Perugia che illustreranno i loro progetti di crowdfunding relativi alla precedente edizione del progetto FastUp.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»