Enel Green Power, ok all’integrazione in Enel

L'assemblea degli azionisti Enel ha approvato l'integrazione di Enel Green power con il 99,57% dei voti a favore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’assemblea degli azionisti di Enel Green Power ha votato a favore dell’integrazione di Egp in favore di Enel attraverso la scissione parziale non proporzionale.

enel_gp

L’assemblea degli azionisti Enel ha approvato l’integrazione di Enel Green power con il 99,57% dei voti a favore.

“Enel Green power rappresenta un eccellente veicolo di crescita in uno dei settori più promettenti dei prossimi anni”, quello delle rinnovabili, per cui la sua integrazione porterà “benefici per l’intero gruppo Enel mediante il potenziamento della capacita di investimento di Egp, sinergie e flessibilità del gruppo nel cogliere nuove opportunità offerte dallo scenario energetico”. Lo dice Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale Enel, nel suo intervento all’assemblea degli azionisti del gruppo dedicata all’integrazione di Enel Green power nella casa madre. Nello scenario attuale si verifica “una sempre maggiore attenzione verso la sostenibilità”, spiega Starace, e “le rinnovabili sono centrali in questo processo”. Ciò detto, “tutte le grandi utilities hanno cercato di cogliere le opportunità delle rinnovabili creando società dedicate”, prosegue l’ad e dg Enel, “per questo nel novembre 2010 abbiamo deciso la quotazione in borsa” di Egp che ha conseguito “da allora risultati economici e finanziari assoluto rilievo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»