Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

No Green Pass, 19 indagati per il presidio sotto casa del sindaco di Pesaro

NO_GREEN_PASS_SAN_GIOVANNI1
"Quella sera i no vax hanno dimostrato qual è la loro idea di libertà", dice Matteo Ricci
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESARO – Sono 19 gli indagati tra i manifestanti ‘No Green pass’ che il 28 luglio scorso organizzarono un presidio sotto la casa del sindaco di Pesaro, Matteo Ricci. “La giustizia sta facendo il suo corso”, commenta il primo cittadino, appresa la notizia.

Per i 19 la Procura ipotizza i reati di minacce aggravate e violenza privata aggravata. In quell’occasione, infatti, un centinaio di manifestanti si presentarono sotto l’abitazione del primo cittadino, “urlando minacce”, ricorda Ricci, che in quel momento era impegnato in una diretta tv (fuori Pesaro) e nell’appartamento c’era solo la sua famiglia.

“Quanto successo il 28 luglio scorso è stata una violazione della libertà personale e della mia famiglia- aggiunge il sindaco- Un episodio che mai dovrebbe accadere a nessun cittadino. La libertà di ognuno di noi finisce dove inizia quella degli altri, quella sera i no vax hanno dimostrato qual è la loro idea di libertà“.

Tra i 19 indagati, anche il leader di #IoApro Umberto Carriera. “Ringrazio tutti coloro che ancora oggi hanno espresso solidarietà, fiducioso che le indagini e la giustizia portino ad una esemplare sanzione per questi squadristi“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»