Covid, De Luca: “Natale e Capodanno? Quest’anno non esistono”

"La Campania sostiene la linea del rigore" ribadisce il governatore Vincenzo De Luca durante una diretta Facebook
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Dobbiamo avere la forza di resistere oggi alle spinte demagogiche, dicendo ai nostri concittadini che quest’anno Natale e Capodanno non esistano. Siano giorni di raccoglimento familiare e religioso, ma non delle feste normali, altrimenti andiamo al disastro”. Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca in diretta su Facebook.

“Sento ripetere nei notiziari televisivi – aggiunge il governatore – di un assedio delle Regioni per chiedere provvedimenti meno rigorosi. La Campania chiede provvedimenti più rigorosi, mi auguro che queste notizie vengano trasmesse”.”Siamo abituati a considerare ‘le Regioni’ come solo le tre o quattro Regioni del centro Nord. Non è così – ribadisce il presidente della giunta regionale – la Campania sostiene la linea del rigore, è contraria al rilassamento, all’apertura delle mobilità e a queste manfrine tra Comuni grandi o piccoli, su che fare a Natale, alla vigilia, a Capodanno. Dobbiamo sapere che in queste due settimane noi ci giochiamo il futuro del Paese: decidiamo in dieci giorni, a seconda delle decisioni prese, se ci sarà un’ecatombe a gennaio oppure no. Continuiamo ad avere 800 o 900 morti al giorno e riprendiamo la manfrina dell’estate soprattutto per iniziativa di tante Regioni del Nord che oggi pagano il rilassamento di mesi passati”. De Luca ribadisce di voler “aprire tutto ma per sempre, non una settimana, cedendo alla demagogia e poi dovendo richiudere per mesi, a cominciare dal 2021″.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»