hamburger menu

Toti sfida Toninelli: “Ok referendum su opere, ma chi perde si dimette”

"Se ci stai, organizziamo subito il voto", scrive su facebook il presidente regione Liguria

Pubblicato:11-12-2018 16:10
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 13:53
Canale: Canali
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Caro Ministro, facciamo così: facciamo un referendum su Gronda, Terzo Valico e altri cantieri che tieni bloccati nella tua penna con supponenza. Ma mettiamoci la faccia: se i cittadini diranno di sì alle grandi opere, tu metti una parte dei soldi dedicati al reddito di cittadinanza nei cantieri per accelerare i lavori e ti dimetti. Al contrario, se i cittadini voteranno per fermare i lavori, mi dimetto io seduta stante. Se ci stai, organizziamo subito il voto”. Lo scrive su facebook Giovanni Toti, presidente regione Liguria.

FI: DA TONINELLI SCIACALLAGGIO POLITICO CONTRO TOTI

L’attacco del ministro Danilo Toninelli nei confronti del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, costituisce “un atto di sciacallaggio politico e di irresponsabilità: a quest’ultima ci avevamo fatto il callo, ma speravamo di non sprofondare così in basso. Come sempre siamo costretti a constatare che l’interesse di Toninelli non è far tornare Genova alla normalità ma fare una battaglia tutta sua contro le infrastrutture e il progresso della nostra regione”. Lo scrivono in una nota congiunta i parlamentari liguri di Forza Italia, Sandro Biasotti, Roberto Bagnasco, Roberto Cassinelli, Manuela Gagliardi e Giorgio Mulé. “Assistiamo oramai basiti all’odierno spettacolino messo in scena del ministro Danilo Toninelli intorno al disastro del ponte Morandi- proseguono deputati e senatori forzisti- dopo i ritardi e le lacune del decreto Genova, ancora una volta il ministro non sa di cosa sta parlando”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2020-12-17T13:53:30+01:00