Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

60% bimbi ha problemi vista; fumo quadruplica rischio maculopatia; 1 su 5 ha problemi di peso

Edizione dell'11 dicembre 2017
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BAMBINO GESÙ: 60% BIMBI HA PROBLEMI VISTA. IPERMETROPIA PIÙ DIFFUSA

“Circa il 60% dei bambini ha dei piccoli o grandi problemi legati alla vista. La patologia più diffusa è l’ipermetropia, seguono l’astigmatismo e la miopia”. A farlo sapere Michele Fortunato, oculista all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. La prima visita oculistica, intanto, andrebbe fatta alla nascita o dopo pochi giorni di vita, quindi entro i sei mesi”. Ma quando e in quali casi è possibile intervenire chirurgicamente? Ascoltiamo le parole dell’esperto…

FUMO FA PERDERE LUCIDITÀ A RETINA. QUADRUPLICA RISCHIO MACULOPATIA

“Se è vero che il fumo di sigaretta fa perdere lucidità alla retina? Assolutamente sì”. Risponde così Teresio Avitabile, direttore della Clinica oculistica dell’Università di Catania e segretario della Soi, interpellato sul tema in occasione del 97esimo Congresso nazionale della Società Oftalmologica italiana, che si è svolto nei giorni scorsi a Roma.

COLITE ULCEROSA E MALATTIA CROHN, IN 20% CASI ESORDIO DA BIMBI

Le malattie infiammatorie croniche dell’intestino, cioè la Colite Ulcerosa e la Malattia di Crohn, compaiono frequentemente tra i 20 e i 30 anni, impattando in maniera significativa sulla qualità di vita dei soggetti affetti. Il 20% di queste patologie, inoltre, esordisce addirittura in età pediatrica, con ripercussioni non solo a carico del bambino affetto, ma anche a livello familiare.

OBESITÀ. UN ITALIANO SU 5 HA PROBLEMI DI PESO, TRA BIMBI 1 SU 3

La metà della popolazione del nostro Paese ha un peso superiore a quello ottimale. Il 38% degli italiani, infatti, è in sovrappeso e un altro 11% è obeso. Quanto ai bambini, dagli 8 ai 12 anni hanno una prevalenza di obesità pari al 12% e una di sovrappeso pari al 24%. Nel sud e nelle isole la prevalenza di obesità è quindi maggiore rispetto al nord e nei bambini arriva quasi a raddoppiare rispetto alle regioni settentrionali. È quanto hanno fatto sapere gli esperti in occasione del Congresso internazionale Icamp 2017, che si è svolto nei giorni scorsi ad Assago.

ONDA ASSEGNA ‘BOLLINI ROSA’: 306 STRUTTURE A MISURA DONNA

Il miglior posto dove partorire con l’epidurale o fare una mammografia senza affrontare lunghe liste d’attesa. La struttura giusta dove sottoporsi a un intervento chirurgico o curare un tumore. Sono 306 gli ospedali italiani ‘amici delle donne’, premiati con i Bollini rosa dell’Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, per il biennio 2017-2018. Nel censimento sono state coinvolte un migliaio fra le 1.500 strutture tra ospedali e case di cura convenzionate italiane. “La salute della donna è obiettivo strategico, ribadito anche nell’ultimo G7 Salute- ha commentato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin- che fin dall’inizio del mio mandato ho sostenuto con determinazione”.

REGIONE LAZIO ESCE DA COMMISSARIAMENTO DAL 31 DICEMBRE 2018

Il Consiglio dei ministri ha sancito l’uscita dal commissariamento della sanità della Regione Lazio a partire dal 31 dicembre 2018. Durante la riunione, a cui ha partecipato il governatore, Nicola Zingaretti, è stato certificato l’azzeramento sostanziale del disavanzo. Dopo dieci anni, dunque, si tornerà a una gestione ordinaria: scelte condivise su programmazione, personale e investimenti. Stop al commissario e ai sub commissari di nomina governativa. Soddisfatto Zingaretti: “Ringrazio il governo per questo atto di fiducia- ha commentato- e chi, nei vari ministeri, da dieci anni affianca la nostra Regione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»