Molestie, ambasciatrice Usa all’Onu: “Le donne che hanno denunciato Trump vanno ascoltate”

La dichiarazione durante un’intervista alla Cbs
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Si ascoltino le donne che hanno accusato il presidente Trump di molestie“.  A riaccendere i riflettori sulla vicenda emersa all’epoca della campagna elettorale del 2016 è niente meno che l’ambasciatrice americana dell’Onu, Nikki Haley. La presa di posizione di uno dei pilastri dell’amministrazione Trump è avvenuta durante un’intervista alla Cbs.

Leggi anche Time, la copertina del 2017 va alle donne contro le molestie

In un periodo storico in cui il movimento delle donne contro le molestie sta assumendo proporzioni sempre più grandi, tanto da essersi conquistato la copertina della rivista Time di quest’anno, probabilmente Haley si è sentita in dovere, in quanto donna, di dire la sua in merito alle accuse di decine di donne sui comportamenti non proprio ortodossi del presidente degli Stati Uniti.

Leggi anche Tavecchio accusato di molestie sessuali da una dirigente sportiva

All’ex governatrice del South Carolina è stato chiesto per quale motivo non debbano essere prese in considerazione anche le accuse mosse verso il presidente. L’ambasciatrice ha risposto che le accusatrici di Trump sono state ascoltate prima delle elezioni e che il popolo ha comunque deciso di eleggerlo come presidente. Ma ha comunque ribadito che “ogni donna che si è sentita violata o maltrattata in ogni modo ha tutto il diritto di parlare” e noi dovemmo ascoltare.

Leggi anche Molestie, il giornalista Charlie Rose sospeso dalla Cbs

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»