Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini dopo il derby fa pace con Ghali, che gli invia una maglia autografata

ghali salvini
"È un momento così complicato per gli italiani, perché quindi perdersi in insulti allo stadio?", ha spiegato il segretario della Lega
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Sono pronto ad incontrare Ghali ad offrirgli un caffè o un cappuccino, e chiarire. Siamo entrambi milanesi, penso della stessa zona. Non sapevo chi fosse prima che mi insultasse allo stadio, vivo tranquillo, mi è dispiaciuto perché ero con mio figlio che mi diceva: questo cosa vuole. Lui lo conosceva musicalmente, io no, è rimasto dispiaciuto anche mio figlio”. Così il segretario della Lega Matteo Salvini oggi a Catanzaro, commentando quanto accaduto allo stadio San Siro a Milano durante l’ultimo derby Milan-Inter.

SALVINI INDOSSA LA MAGLIA DELLA NAZIONALE DELLA TUNISIA

Salvini, rispondendo ad un giornalista, ha chiarito quanto successo, ricevendo anche una maglia della nazionale della Tunisia inviata e autografata dal musicista e rapper Ghali in segno di distensione. Successivamente Salvini l’ha anche indossata, apprezzando il gesto e dicendo che la regalerà a suo figlio. “È un momento così complicato per gli italiani – ha poi aggiunto Salvini – perché quindi perdersi in insulti allo stadio. Ha chiesto scusa, amici come prima”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»