VIDEO | Il Pd presenta Women New Deal e lo affida al Governo: “Cambiare la rotta”

Si tratta di "un progetto di trasformazione pensato soprattutto da donne per una società ed un sistema più giusto per tutte e tutti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Women New Deal “non è un piano delle donne per le donne, ma un progetto di trasformazione pensato soprattutto da donne per una società ed un sistema più giusto per tutte e tutti. L’emergenza epidemiologica da Covid ha ulteriormente evidenziato le distorsioni, le iniquità e le discriminazioni presenti nel mondo del lavoro e nella nostra società. Queste incidono negativamente non solo sulla vita delle persone, ma anche sulla qualità del nostro sistema socioeconomico e sulle prospettive di crescita del Paese”. È il documento presentato dal Pd e affidato al governo nel corso di una conferenza stampa con la presidente del partito Valentina Cuppi, la portavoce della Conferenza delle democratiche, Cecilia D’Elia, e il segretario nazionale Nicola Zingaretti. All’incontro è intervenuto anche il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri.Women New Deal vuole essere un contributo al cambio di rotta e di prospettiva, perché crediamo che solo valorizzando le donne si potrà concretizzare quel cambiamento più volte evocato”, si legge nel piano del Partito democratico.

IL PROGRAMMA DEL PD

POTERE ALLE DONNE – Vere politiche di empowerment femminile e di mainstreaming, che contemplino e facilitino la rappresentazione delle diversita’, in primis quella multiculturale.

PER L’OCCUPAZIONE FEMMINILE – Nel nostro Paese lavora solo il 49 per cento delle donne contro una media europea del 63. Occorrono quindi politiche che liberino il tempo delle donne, che trasformino l’organizzazione sociale. Eliminare il gender pay gap; sgravi contributivi per l’assunzione di donne; sostegno alla nascita di start-up e di imprese femminili anche attraverso agevolazioni nell’accesso al credito, attraverso un Fondo permanente per l’imprenditoria femminile; un piano di assunzioni in settori chiave del sistema pubblico italiano nei quali sono occupate soprattutto donne: sanita’, istruzione, cura.

UN PAESE CHE SI PRENDE CURA – Investire sulla cura delle persone è una delle lezioni che ci viene dal Covid. Ma la cura delle persone deve essere un tempo pubblico, ingrediente della crescita economica, del benessere sociale. Quindi sostegno alla genitorialità, alla vita famigliare, alla condivisione e la conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro per le donne e gli uomini; piano per gli asili nido. E ancora: 3 mesi il congedo obbligatorio di paternità, innalzare la percentuale di retribuzione spettante per i periodi di congedo parentale facoltativo, con un ulteriore incentivo per favorire l’alternanza fra i genitori; Piano nazionale per rendere gratuite tutte le spese sostenute nei primi 1000 giorni di vita dei bambini

PER IL BENESSERE DI TUTTE E TUTTI – Il Covid ha messo in evidenza l’importanza della rete integrata dei servizi sociali. Occorrono: la definizione di un aggiornato Piano Sociale Nazionale che sia costruito con la partecipazione dei Comuni, delle Regioni e del Terzo Settore; definizione dei Livelli Sociali Essenziali; Welfare collaborativo, di comunità, nuove forme di integrazione tra servizi pubblici, privato sociale e reti sociali circostanti.

UN PAESE CHE EDUCA E COMUNICA – Bisogna investire sull’educazione al rispetto e sulla valorizzazione delle diversità sin dalla scuola dell’infanzia. Una didattica che valorizzi la persona, contrastando discriminazioni e stereotipi; Programmi di Orientamento; investimenti per assicurare una adeguata rappresentanza, a tutti i livelli, delle differenze.

PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA MASCHILE CONTRO LE DONNE – Valorizzazione dell’esperienza dei centri antiviolenza che da ormai trent’anni hanno dato voce alle donne e svelato il vero volto della violenza, sensibilizzato il paese, strutturato reti territoriali e percorsi di uscita dalla violenza, di sostegno all’autonomia e all’indipendenza economica per le donne in condizioni di particolare fragilità.

CITTÀ A MISURA DI TUTTE E TUTTI – I tempi di vita, il tempo da dedicare alla cura delle relazioni, alla vita sociale, non può essere sussunto dal lavoro. Va incentivata la creazione di Piani Regolatori dei Tempi delle città per offrire durante tutta la giornata opportunità di vita sociale, culturale ed economica.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»