Vaccino contro il Covid, accordo Pfizer-Ue per 200 milioni di dosi

Nell'accordo c'è un'opzione per l'acquisto di ulteriori 100 milioni di dosi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Pfizer e BioNTech hanno annunciato oggi di aver raggiunto un accordo con la Commissione europea per fornire 200 milioni di dosi del loro candidato vaccino sperimentale BNT162b2 a base di mRNA contro SARS-CoV-2 all’Unione Europea (Stati membri dell’Ue), con la possibilità per la Commissione europea di richiedere ulteriori 100 milioni di dosi. Si prevede che le consegne inizieranno entro la fine del 2020, soggetto al successo clinico e all’autorizzazione normativa”, si legge nella nota della Pfizer.

“Le dosi di vaccino per l’Europa – prosegue il comunicato- saranno prodotte nei siti di produzione tedeschi di BioNTech, così come nel sito di produzione di Pfizer in Belgio. Se il vaccino candidato BNT162b2 riceve l’approvazione dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema), le dosi saranno ordinate dagli Stati membri dell’UE che hanno scelto di ricevere il vaccino come parte di questo accordo”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’annuncio di Pfizer: “Nostro vaccino efficace al 90%, pronto entro l’anno”

“Dall’inizio della pandemia, la priorità di Pfizer è stata quella di sviluppare un vaccino sicuro ed efficace, aumentando al contempo la nostra produzione per fornire le dosi entro la fine dell’anno. Questo è un obiettivo ambizioso ma fondamentale per fermare questa pandemia globale “, ha affermato Albert Bourla, Presidente e CEO di Pfizer. “L’accordo di fornitura finalizzato oggi con la Commissione europea rappresenta il più grande ordine iniziale di dosi di vaccino per Pfizer e BioNTech fino ad oggi e un passo importante verso il nostro obiettivo condiviso di rendere un vaccino Covid-19 disponibile per le popolazioni vulnerabili”. “In qualità di azienda fondata nel cuore dell’Europa, non vediamo l’ora di fornire milioni di persone previa approvazione normativa. Vorremmo ringraziare la Commissione e gli Stati membri per il loro sostegno e la fiducia nel nostro candidato vaccino Covid-19. Il nostro obiettivo è sviluppare un vaccino sicuro ed efficace per contribuire a porre fine a questa pandemia. Solo attraverso sforzi congiunti saremo in grado di farlo “, ha affermato Ugur Sahin, M.D., Ceo e co-fondatore di BioNTech. Pfizer e BioNTech hanno annunciato la conclusione dei colloqui esplorativi con la Commissione Europea per fornire le dosi del candidato vaccino BNT162b2, se approvato, il 9 settembre 2020. L’accordo di fornitura proposto è ora definitivo.

LEGGI ANCHE: Vaccino contro il coronavirus, parla il Ceo di Pfizer: “Un grande giorno per la scienza e per l’umanità”

“Il 9 novembre 2020, Pfizer e BioNTech hanno annunciato che il loro candidato vaccino a base di mRNA, BNT162b2, contro SARS-CoV-2 ha dimostrato prove di efficacia contro Covid-19 nei partecipanti senza precedenti prove di infezione da SARS-CoV-2, sulla base del prima analisi ad interim di efficacia condotta l’8 novembre 2020 da un comitato di monitoraggio dei dati (Dmc) esterno e indipendente dallo studio clinico di fase 3. Il Dmc ha esaminato 94 casi. La suddivisione del caso tra gli individui vaccinati e quelli che hanno ricevuto il placebo indica un tasso di efficacia del vaccino superiore al 90%, 7 giorni dopo la seconda dose. Ciò significa che la protezione viene raggiunta 28 giorni dopo l’inizio della vaccinazione, che consiste in un programma di 2 dosi. Mentre lo studio continua, la percentuale finale di efficacia del vaccino può variare. Il Dmc non ne ha segnalati gravi preoccupazioni per la sicurezza e raccomanda che lo studio continui a raccogliere ulteriori dati sulla sicurezza e sull’efficacia come pianificato. I dati saranno discussi con le autorità di regolamentazione di tutto il mondo. Pfizer e BioNTech intendono presentare i dati dell’intero studio di fase 3 per la pubblicazione scientifica di revisione paritaria”.

“Oltre agli impegni con i governi, Pfizer e BioNTech hanno fornito un’espressione di interesse per una possibile fornitura alla Covax Facility, un meccanismo istituito da Gavi, la Vaccine Alliance, la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (Cepi) e l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che, utilizzando una gamma di piattaforme tecnologiche, mira a fornire ai governi, compresi quelli dei mercati emergenti, un accesso anticipato a un ampio portafoglio di vaccini candidati Covid-19″, si conclude nella nota.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»