Coronavirus, a Catanzaro scuole chiuse fino al 28 novembre

Lo ha stabilito il sindaco Sergio Abramo su proposta del dipartimento di Prevenzione dell'Asp a causa di un incremento significativo dei nuovi casi di Covid-19
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA –  A partire da domani, giovedì 12 novembre, e fino a sabato 28 novembre saranno sospese le attività didattiche in presenza, con conseguente attivazione di quelle a distanza, nelle scuole di ogni ordine e grado di Catanzaro. Lo ha stabilito il sindaco Sergio Abramo facendo seguito alla proposta ricevuta dal dipartimento di Prevenzione dell’Asp a causa di un incremento significativo dei nuovi casi di infezione da Sars-Cov2. Gli alunni delle scuole dell’infanzia, delle primarie e delle prime classi delle secondarie di primo grado torneranno fra i banchi lunedì 30 novembre.

Questa sospensione servirà a ridurre le occasioni di contagio e, di pari passo, a garantire il tempo necessario all’Asp per smaltire i tamponi da analizzare e aumentare lo sforzo organizzativo per il tracciamento dei contatti”, ha affermato Abramo, aggiungendo: “Mi auguro che queste due settimane siano sufficienti per far sì che la risposta di un sistema finora gravato da consistenti ritardi, diventi più efficace e tempestiva”.

L’Azienda sanitaria ha considerato come questo incremento comporti “la necessità di screening massivi di personale scolastico, docenti, alunni e personale Ata” ribadendo il “notevole ritardo nella lavorazione dei tamponi nasofaringei e, pertanto, nella trasmissione dei relativi referti”. Il dipartimento di Prevenzione ha aggiunto: “La situazione determina un ritardo nella costruzione dei casi positivi”. Per questi motivi è stata suggerita la “sospensione, a tutela della salute pubblica, della didattica in presenza delle scuole in oggetto per un congruo periodo (almeno due settimane) per consentire il graduale smaltimento delle criticità rappresentate”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»