VIDEO | “Non perdiamo il nostro ruolo sociale”. Viaggio nelle librerie indipendenti di Milano

L’ultimo dpcm le considera un servizio essenziale. Appuntamenti fuori dagli orari di apertura, così i librai mantengono vivo il rapporto con i lettori | Di Francesco Mazzanti e Michele Mastandrea
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – Una libreria indipendente e di quartiere non è solo uno spazio dove si comprano libri. È un luogo dove si scoprono percorsi di lettura inediti e dove si creano relazioni sociali. Una sorta di mercato, ma al posto del pane ci sono le parole.

Gli incontri di Bookcity Milano, che inizia oggi e terminerà domenica, saranno tutti in streaming. Anche le librerie hanno dovuto annullare gli appuntamenti dal vivo, centrali sia per il rapporto con i lettori che per l’economia. L’ultimo dpcm però considera essenziale il loro servizio. Le librerie indipendenti di Milano (Lim), tra adattamento degli spazi e nuove modalità di vendita, mantengono viva la loro funzione sociale.

“Siamo presenti nel quartiere da 16 anni – spiega Chiara Cogliati della Libreria di monti, nei pressi di Porta Romana – e i nostri clienti storici continuano a venire in libreria anche solo per scambiare due chiacchiere, per un saluto. Questo non può che farci piacere”.

La Libreria popolare di via Tadino, invece, è attiva dal 1974 e continua a fornire percorsi di lettura specifici ai propri clienti. Il libraio Guido Duiella, che consegna gratuitamente a domicilio, ha deciso di offrire un’altra possibilità a chi voglia andare in libreria in totale sicurezza: “Facciamo delle prenotazioni per mettere a disposizione la consulenza del libraio al di fuori degli orari di apertura. Se la libreria chiude alle 13, si può venire per massimo mezz’ora a libreria chiusa e si può chiedere al libraio, ricercare tra gli scaffali e fare il proprio acquisto in totale sicurezza, senza costringere altri a fare la coda fuori e non perdendo l’opportunità di fare le proprie scelte di persona. I libri attirano, spesso si cerca un tema generico e tra gli scaffali si scoprono autori o copertine interessanti”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»