Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lo Spazio a fumetti, la scienza si fa pop

Rat-Man, Nathan Never e Topolino: gli episodi ‘spaziali’ sono stati presentati a Lucca Comics
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il fascino dell’esplorazione spaziale conquista i fumetti. Non è la prima volta, ma non era mai accaduto in maniera così massiccia. Sono le pagine di Rat-Man, Nathan Never e Topolino ad ospitare astronauti e missioni mozzafiato. Protagonisti la Luna e la Stazione spaziale, ma non si escludono future avventure su Marte.

Gli episodi ‘spaziali’ sono stati presentati a Lucca Comics, la storica e amatissima fiera del fumetto, e sono ora disponibili in vendita per tutti gli appassionati. Ma cosa raccontano queste storie a fumetti? Lo abbiamo chiesto a Fabrizio Zucchini, responsabile della comunicazione degli astronauti presso l’Agenzia spaziale italiana, che ne ha promosso la pubblicazione.

“Abbiamo fatto, con Feltrinelli e Leo Ortolani, la seconda avventura di Rat-Man dedicata allo Spazio. Questa è dedicata alla Luna. C’è un imprenditore che si chiama Mask, che porta sulla Luna ‘Fortunato’, che sarebbe Luca Parmitano– racconta Zucchini-. Vivono un’avventura sulla Luna, in una base lunare costruita nel 2069. Luca è il comandante della missione e vive diverse disavventure insieme a Rat-Man”.

‘Luna 2069’, firmato dal papà di Rat-Man Leo Ortolani, arriva a due anni da ‘C’è spazio per tutti’, l’avventura che aveva come protagonista Paolo Nespoli, che in questo nuovo numero compare come cameo. Non mancano i richiami didattici alla storia dello Spazio.

LEGGI ANCHE: Nespoli e Rat-Man, la strana coppia nello Spazio a fumetti

Sergio Bonelli Editore ha mandato invece in stampa un’appassionante viaggio nel tempo di Nathan Never. Anche questa volta, co-protagonista è Luca Parmitano.

“C’è un’avventura che coinvolge la Stazione spaziale e Luca Parmitano. Nathan Never deve sperimentare una nave spaziale che va a a velocità di curvatura, ma nel momento in cui lo fa appare una stringa di energia che lo catapulta indietro nel passato e si trova faccia a faccia con Parmitano. Grazie a due esperimenti a matrice anche italiana come Ams e Altea, riesce a indivuduare dove questa stringa di energia sarebbe ricomparsa e quindi riescono a ripercorrerla e a tornare nel futuro”.

Infine, lo Spazio fa la sua comparsa anche sul settimanale a fumetti più amato da grandi e piccini, ‘Topolino’. Sono tre le storie che, sulle pagine Panini, vedono protagonista ‘Roby Vic’, ispirato all’astronauta Roberto Vittori. La prima è già andata in edicola con il numero 3332. Le prossime puntate arrivano nel 2020, a partire da gennaio.

Quello della divulgazione su canali pop è un tema delicato: un conto è la scienza, altra cosa è la fantascienza. Se è giusto che l’artista o il disegnatore abbiano campo libero, è importante che non ci siano inesattezze o addirittura strafalcioni, anche e soprattutto quando si parla di fumetti , destinati al grande pubblico. Per questo, la revisione ultima dei testi è affidata all’Agenzia spaziale italiana. 

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»