Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Roma, Raggi contestata all’idroscalo di Ostia dagli occupanti a rischio sgombero

Ad accogliere la sindaca una decina di abitanti dell'Idroscalo che da anni occupano alcune baracche abusive a pochi metri dalla foce del Tevere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Contestazioni per la sindaca di Roma Virginia Raggi al suo arrivo all’inaugurazione a Ostia del ‘Punto luce delle Arti’. Ad accoglierla, con urla e invettive, una decina di abitanti dell’Idroscalo, per la quasi totalità donne, che da anni occupano alcune baracche abusive a pochi metri dalla foce del Tevere.

I contestatori, a rischio sgombero, si sono scagliati con veemenza contro la prima cittadina: “Vergogna, per queste case abbiamo speso soldi e da lì non ci muoviamo. È questa la trasparenza?”, hanno detto. Insulti e improperi anche contro la presidente del Municipio X di Roma, Giuliana Di Pillo.

RAGGI: ABITANTI IDROSCALO OSTIA? SERVE TEMPO PER SOLUZIONI

“Come sapete quello dell’idroscalo è da sempre un territorio molto critico. Noi stiamo lavorando con gli abitanti. Ci sono tante richieste, alcune hanno risposte più semplici, altre più complicate. Ci vorrà del tempo per riuscire a trovare quella giusta strada per consentire loro di avere le risposte che chiedono da decenni”. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, a margine dell’inaugurazione del Punto luce delle Arti a Ostia, a proposito della contestazione ai suoi danni da parte di alcuni abitanti dell’idroscalo di Ostia a rischio sgombero.

Quello dell’idroscalo “è un terreno a rischio idrogeologico ed è un problema che si trascina da molti anni- ha aggiunto la minisindaca del Municipio X, Giuliana Di Pillo- L’amministrazione municipale per quanto di sua competenza si sta interessando per risolvere la questione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»