Roma, bike lane di 2 chilometri a via Tuscolana: ecco il progetto

E' un modello che "si potra' esportare in tutte le altre consolari, penso a via Appia, via Prenestina, via Nomentana e via Salaria"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Persone in biciclettaROMA – Una ‘bike lane’ lunga due chilometri su via Tuscolana. E’ il progetto analizzato stamani dalla commissione Mobilita’ del Comune di Roma presieduta da Enrico Stefano, alla presenza delle associazioni territoriali.

Il progetto ciclabile, illustrato dall’ingegnere Fabrizio Benvenuti, prevede percorsi monodirezionali da piazza di Cinecitta’ alla discesa del Quadraro.

Ha un costo di circa 350mila euro e per realizzarlo, compresa la segnaletica e le pedane, necessita di minimo un anno.

“Una ‘bike lane’ come questa riqualifica il quadrante di via Tuscolana- ha spiegato Stefano- Tra l’altro nasce da un’idea del gruppo della Polizia locale e questo lo voglio sottolineare. Noi abbiamo l’obiettivo di realizzare questi progetti e abbiamo iniziato da questo perche’ ci sembra la situazione più critica. E’ un modello che si potra’ esportare in tutte le altre consolari, penso a via Appia, via Prenestina, via Nomentana e via Salaria”.

Per quanto riguarda il Grab, che era al secondo punto dell’ordine del giorno, la commissione ha soltanto accennato al progetto realizzato da Agenzia servizi per la mobilita’, che ha scomposto il percorso in sei lotti. L’intera discussione, pero’, e’ stata rimandata alla prossima riunione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»