Aeroporti. Rossi: “Peretola migliorerà, lo dimostreremo”

Il presidente lo specifica in merito alla notizia divulgata dal M5S di una bocciatura da parte dell'ufficio tecnico della valutazione d'impatto ambientale regionale del master-plan di Enac
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “Io, come ho sempre detto, non ho mai presentato soltanto una rimodulazione della pista, ma un progetto generale alla fine del quale i risultati sotto il profilo ambientale, di impatto urbanistico, di miglioramento complessivo della qualità dell’aria e della vita su quelle parti sarebbero stati positivi. E questo saremo in grado di dimostrarlo e di avere la certezza dei tempi nella realizzazione di tutti gli interventi che erano stati peraltro già previsti sulla delibera che era stata portata in Consiglio regionale per fare la modifica al Pit”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi a margine di una conferenza stampa, in merito alla notizia divulgata dal M5S di una bocciatura da parte dell’ufficio tecnico della valutazione d’impatto ambientale regionale del master-plan di Enac sullo sviluppo dell’aeroporto di Peretola con la costruzione della pista lunga da 2.400 metri.

Aeroporto Firenze

Non ho letto il lavoro degli uffici- ha aggiunto-, lo farò. So cosa dobbiamo fare per arrivare a risolvere positivamente la questione. I tecnici hanno espresso un parere negativo su un progetto- ha evidenziato-, valuteremo e faremo sapere l’opinione della Giunta, che terrà conto di un progetto più complessivo che è quello approvato dal Consiglio regionale, che prevede interventi relativamente non solo alla pista, ma a tutta una serie di interventi”. Dal punto di vista formale, “questi pareri finiscono poi a Roma, dove c’è la conferenza dei servizi- ha aggiunto-. Il Consiglio si è già espresso, gli stessi uffici si erano già espressi non su quella pista, ma su un parere di carattere più generale di bonifica e di interventi, di miglioramento della situazione su tutta l’area che per me rimane il punto di riferimento, la barra dritta che dobbiamo tenere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»