hamburger menu

La presidente dell’Europarlamento Metsola: “Fornire armi pesanti all’Ucraina”

"Gli ucraini devono essere in grado di difendere se stessi e, di riflesso, anche noi"

Pubblicato:11-10-2022 16:17
Ultimo aggiornamento:11-10-2022 16:24
Canale: Europa
Autore:
metsola migranti
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

di Alessio Pisanò

ROMA – “Gli ucraini devono essere in grado di difendere se stessi e, di riflesso, anche noi: in questa nuova e pericolosa fase di guerra, hanno bisogno di armature più pesanti e di sistemi di difesa che consentano loro di sopravvivere e solo se l’Ucraina sarà in grado di difendersi da sola potremo spingere per la pace reale, e non quella forzata attraverso le minacce”. Lo ha dichiarato la presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola in un discorso alla conferenza degli ambasciatori presso l’Ue. Il capo dell’eurocamera ha ricordato che l’Unione europea ha fornito 2,5 miliardi di euro per sostenere le forze armate ucraine. “Il nostro supporto militare continuerà“, ha continuato Metsola. “In Europa abbiamo capito da tempo che l’accomodamento non ha funzionato, non funziona e non funzionerà mai”, ha proseguito rinnovando l’impegno delle istituzioni europee “a spingere per la pace, ma anche per la giustizia dei numerosi crimini di guerra commessi sul suolo europeo”. Alla luce della più recente escalation provocata dai bombardamenti che hanno colpito 14 regioni ucraine lunedì scorso “dobbiamo rispondere con la volontà di andare oltre e, soprattutto, di aiutare di più”, ha affermato Metsola.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-10-11T16:24:26+01:00