NEWS:

Duemila controlli della vista e occhiali gratis, torna “La Favola” a Bologna

Cresce l'iniziativa di Comune e associazioni a favore dei bambini delle famiglie seguite dai servizi sociali

Pubblicato:11-10-2022 14:29
Ultimo aggiornamento:11-10-2022 14:29

FacebookLinkedIn

BOLOGNA – Screening della vista e occhiali gratuiti ai bambini di famiglie seguite dagli assistenti sociali del Comune. È la missione a Bologna della Favola degli occhiali, il progetto sociale quest’anno giunto alla sua quinta edizione con la collaborazione di Ottica Garagnani. Il nuovo appuntamento è fissato per domenica, di nuovo in occasione del mese mondiale della vista, nella biblioteca Renzo Renzi della Cineteca in piazzetta Pasolini: è qui che si terranno i nuovi screening per tutti, adulti e bambini, dalle 10 alle 17.30.
Dal 2016, il progetto promosso dall’amministrazione comunale ha consentito di mettere in campo oltre 2.000 screening e distribuire 300 paia di occhiali, ricorda oggi l’assessore comunale al Welfare Luca Rizzo Nervo insieme con gli altri attori coinvolti, Amrer, associazione malati reumatici Emilia-Romagna, e Amoa, associazione medici oculistici per l’Africa. Entrambe collaborano agli screening insieme con la stessa Ottica Garagnani, con Essilor Italia, la multinazionale delle apparecchiature ottiche, e con i laboratori ludico-ricreativi della Cineteca. All’insegna del motto “giocare con la vista”, sempre in piazzetta Pasolini, dalle 15 alle 17.30 se ne occuperanno diverse associazioni del terzo settore che collaborano al progetto “Le città sane dei bambini e delle bambine”. Sono attese letture per i più piccoli, animazioni, attività sul benessere visivo anche “andando oltre le apparenze”, in tutti i sensi. Non mancheranno tra l’altro un clown, rigorosamente con gli occhiali, un mago di teatro e un “truccabimbi”. Tra le associazioni presenti ci saranno anche Fanep, Unicef, Dry Art, Kize’ teatro, Retinite pigmentosa,
Ca’ Rossa, Vitruvio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn